Strategie di trading

La creazione di una strategia per il successo implica studio e preparazione

Inizia Subito!

Il trading comporta un elevato grado di rischio e può comportare la perdita dell'intero capitale.

Le diverse tipologie di strategie di investimento

Secondo il vocabolario, una strategia rappresenta un insieme di attività programmate o elaborate allo scopo di raggiungere un obiettivo generale predeterminato. Sempre secondo il vocabolario, la definizione di “investimento” descrive l’allocazione di asset (di solito denaro) con la speranza di ottenere in cambio un vantaggio (di solito un profitto). Pertanto, per strategia d’investimento si intende una serie di attività programmate che prevedono un deposito di denaro (passaggio 1) nella speranza di ottenere un profitto (penultimo passaggio). Tra il preambolo e il poscritto sono previsti diversi passaggi intermedi, uno dei quali riguarda il ‘dove’, che di solito consiste in un conto di investimento o di trading con un broker. Il ‘come’ è un po’ più complicato. In questo caso, ci troviamo di fronte a tutta una serie di strategie di investimento (di solito a lungo termine) e di trading (di solito a breve termine), ognuna con un sottoinsieme di operazioni in cui si intende realizzare un profitto. Tutte le strategie di trading prevedono 3 elementi chiave: QUANDO APRIRE una transazione, quando CHIUDERLA e come GESTIRLA. Di solito quest’ultima si riferisce alla gestione del denaro, cioè quanto investire. Non è solo un aspetto importante per garantire una buona tenuta del conto, ma lo è altrettanto per prevenire uno stop out: se si investe troppo e si usa una leva troppo elevata, il margine utilizzato potrebbe aumentare in modo esponenziale senza che tu te ne renda conto.

Sede di Trade360

Le prime quattro delle otto strategie di investimento principali sono:

1

Trading sull'azione dei prezzi:

Lo studio dei modelli storici e la ricerca delle loro future iterazioni.

2

Strategia di Range trading:

Ossia il trading in un intervallo ben definito (range), situato tra supporto e resistenza.

3

Strategia di Trend trading:

Il trading entro i confini di una tendenza al rialzo o al ribasso, generalmente caratterizzata da massimi e minimi più alti.

4

Strategia del Carry trade:

Una tipologia di trading di medio livello che si colloca tra il day-trade e il buy-&-hold a lungo termine. Un carry trader contrae in prestito una valuta a un basso tasso d'interesse e la investe in un'altra valuta il cui tasso è più alto, così da monetizzare la variazione relativa ai tassi d'interesse.

Strategie di trading su azioni a breve termine

Le seguenti strategie di trading interessano principalmente i trader giornalieri, dato che hanno una durata più breve.

Strategia del Day trading

Il day trading viene generalmente considerato uno stile piuttosto che una strategia. Consiste nel chiudere tutte le operazioni aperte entro la fine del giorno di negoziazione, in modo da evitare swap e gap nel corso della notte. Spesso, però, questa strategia prevede l'apertura di una posizione quando un asset incrocia la sua media mobile (di solito) a 8 periodi e il posizionamento di ordini stop-loss e take-profit a distanze uguali rispetto al punto di entrata.

Trading di posizioni

I trader di posizioni si basano sull'analisi tecnica, sull'analisi fondamentale o sulla combinazione di entrambe, in abbinamento alle tendenze generali del mercato e ai modelli storici. Si tratta di solito di una strategia a lungo termine.

Strategia del Forex scalping

Lo scalping è la strategia preferita dai trader diurni. Consiste nell'aprire e chiudere posizioni a brevissimo termine nel momento in cui diventano vantaggiose. Si individuano i livelli chiave (supporto, resistenza, l'ampiezza di un canale, ecc.) e si negozia l'asset che si trova tra questi. Generalmente, lo scalping riguarda le principali coppie di valute, poiché esse sono caratterizzate da una maggiore liquidità e, di conseguenza, il loro andamento è più marcato e deciso. Inoltre, a causa della natura frenetica dello scalping, i trader tendono ad automatizzare le loro operazioni, ricorrendo soprattutto a consulenti esperti per aprire le posizioni e, impostando gli ordini SL/TP, chiuderle.

Swing trading

Lo swing trading non è effettivamente considerato una strategia di day-trading. Infatti, è tutt'altro che un'impresa a breve termine. Chi si occupa di swing trading solitamente detiene posizioni che durano da diversi giorni a mesi, anche se non così a lungo come un trade Buy & Hold, che potrebbe durare per anni. Strategicamente, è simile al range e al trend-trading; tuttavia, il trader andrà alla ricerca di specifici punti di "swing" che indicano un'inversione (tra azione e ritracciamento e viceversa) nel contesto del trend complessivo.

Strategie complesse

La strategia del canale

Una volta individuato un canale, si attende un breakout nel caso di una tendenza al rialzo associata, che sarebbe la seconda candela del bear. Non appena la candela viene riempita, si entra a metà della sua altezza collocando uno Stop loss sopra di essa, alla stessa distanza.

Breakout Trading

Il breakout trading, così come il trading su un canale, consiste nell’identificare prima di tutto la tendenza generale e, più di tutto, i suoi livelli di supporto e resistenza. Successivamente, il breakout deve essere confermato, spesso da dati fondamentali di accompagnamento e/o da volumi in aumento che consolidano la nuova tendenza.

Il crossover Bullish/Bearish

Entrambe le strategie si riferiscono a un crossover sull’indicatore MACD, per cui quest’ultimo passa sopra o sotto la linea “0”, indicando l’inizio di un mercato che sarà, rispettivamente, rialzista o ribassista. La fine del trend sarà solitamente segnalata nel momento in cui il MACD cambia direzione

La strategia della lenza

La strategia della lenza utilizza degli indicatori tecnici, ovvero le Bande di Bollinger. Di solito, quando un secondo tentativo non riesce a infrangere una delle bande, sarà limitato a non più di 2 candele; in tal caso, le due candele chiudono al di sotto della banda inferiore (sopra la superiore per una vendita). Nel momento in cui l’asset oltrepassa la banda superiore (inferiore, ibid), apriamo una posizione lunga, collocando il Take profit in cima alla banda superiore e il nostro Stop loss in corrispondenza della parte inferiore delle candele di breakout precedenti.

La strategia dei frattali

Il ricorso a 2 o più indicatori comporta sempre una certa dose di preoccupazione, ma la conferma è importante. Qui, inauguriamo gli indicatori alquanto esoterici Bill Williams Fractal e Alligator. L’indicatore frattali indica gruppi di modelli ripetitivi della lunghezza di 5 candele, mentre alligator, invece, sovrappone 3 medie mobili sfasate nel tempo lungo il grafico. Nel caso in cui le 3 MA si incrociano accanto a un frattale che è più stretto del precedente frattale, possiamo aprire una posizione sulla resistenza, posizionando il nostro Stop loss sul supporto.

Cerca

AVVISO DI RISCHIO: i CFD sono strumenti complessi e comportano un alto livello di rischio, questo implica la possibilità di perdere rapidamente denaro a causa della leva. Il 69,45% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando negozia CFD con Trade360. Dovresti considerare la tua comprensione del funzionamento dei CFD e valutare se ti senti in grado di sostenere l'alto rischio di perdere il tuo denaro. Scopri maggiori informazioni sulla gestione dei rischi.